La mia ricetta per il contest Fattorie Fiandino

All’ultimo momento a causa degli impegni lavorativi sempre più pressanti che mi tengono lontana dal blog più di quanto vorrei (da qualche mese è tristemente vuoto, mea culpa) torno con una ricettina studiata apposta per il secondo Contest organizzato dalle Fattorie Fiandino. Già lo scorso anno avevo partecipato a quello che aveva come ingrediente principe il burro salato, realizzando la ricetta sei Sableè au chocolat e burro salato con sorbetto all’arancia e Cointreau.

Questa volta l’ingrediente di base delle ricette doveva essere uno dei meravigliosi formaggi a caglio vegetale prodotti da Fiandino. All’arrivo del pacco sono rimasta a bocca aperta, visto che ci era stata inviata una selezione completa dei formaggi a caglio vegetale e del burro Fiandino. Da lì in avanti è stato tutto un lavorio di cervello per cercare di capire come creare una ricetta particolare.

La scelta è stata “L’Ottavio Pichin“, un formaggio a latte crudo e pasta molle sostenuta con birra artigianale stura e malti d’orzo tostati. E’ un formaggio ricco di profumi e con un gusto che richiama note di cacao e caffè. Qual’è la ricetta? E’ il momento di svelarla….

Spaghetti con petto d’anatra affumicato, fiori di zucca e fondutina de “L’Ottavio Pichin”

Tempo di preparazione: 15 minuti

Difficoltà: facile

Ingredienti (x 4 persone):

320 gr di spaghetti

8 fettine sottili di petto d’anatra affumicato

12 fiori di zucca

300 gr di “L’Ottavio Pichin”

40 gr di Burro Salato 1889

250 ml di panna fresca

Sale q.b.

Pepe q.b.

 

Procedimento:

 

Pulite i fiori di zucca, fregandoli delicatamente con un panno umido ed eliminando il pistillo, quindi tagliateli a pezzi e metteteli da parte. Tagliate a piccoli pezzi il formaggio e lasciatelo per 5 minuti immerso nella panna, quindi in una bastardella, fate sciogliere il tutto fino ad ottenere una crema densa ed omogenea. Tagliate le fettine di petto d’anatra a listarelle sottili e fatele rosolare a fuoco basso in un tegame capiente con il burro.

Nel frattempo portate ad ebollizione l’acqua per la pasta, salatela e fatevi cuocere gli spaghetti al dente. Scolateli, poneteli nel tegame con il petto d’anatra, aggiungete i fiori di zucca ed infine la fonduta. Fate saltare il tutto per un paio di minuti, in modo da amalgamere i sapori e servite in tavola. Buon appetito!

 

Con questa ricetta partecipo a:

 

Continue Reading

Il secondo Taste and Match di Torino e il mio abbinamento!

Ebbene si! Avete letto bene! A brevissimo qui a Torino avremo nuovamente questo evento eccezionale! Si tratta della seconda edizione torinese del Taste and Match, manifestazione in cui 8 foodblogger proporrano al pubblico un piatto di loro creazione, abbinandolo ad un vino scelto dal sommelier Fernando.

Questa volta la location è d’eccellenza, poichè la manifestazione si svolgerà nel magnifico Circolo dei Lettori, in centro a Torino. Per me sarà la seconda partecipazione e il sorriso nasce spontaneo nel ricordare la magnifica serata passata con tanti amici nello scorso mese di Aprile.

Il mio abbinamento di questa volta è stato frutto di un lungo ragionamento, poichè non volevo proporre banalità in abbinamento ad un magnifico vino, il Canna Torta Toscana IGT Podere Le Ripi, un vino equilibrato, con sentori di prugna, ciliegia, spezie asiatiche, con finale leggermente tannico.

Nel mio piatto ho cercato di racchiudere una serie di sapori bilanciati ma fuori dal comune ed ho così deciso di realizzare una Millefoglie di zucca e baccalà mantecato con purè speziato di ceci e polvere di olive nere.

 

 

Difficoltà: media

Tempo di preparazione: 2 ore e mezza

Ingredienti (x 4 persone):

1 baffa di stocafisso già ammollato

200 gr di zucca

400 gr di ceci lessati

50 gr di olive nere

1 lt di latte intero

2 cucchiai di prezzemolo tritato

1 spicchio d’aglio

4-5 semi di coriandolo

pepe giamaicano q.b.

noce moscata q.b.

olio extravergine d’oliva q.b.

sale q.b.

 

Procedimento:

Per il baccalà

Lavate bene la baffa in acqua corrente, asciugatela, quindi ponetela in una pentola capiente, copritela con il latte e portate ad ebollizione, lasciando cuocere con il coperchio per circa 20 minuti. Con l’aiuto di una schiumarola trasferite il baccalà in un mixer e tenete il latte da parte. Mettete insieme al baccalà l’aglio, il prezzemolo, quindi frullate aggiungendo a filo l’olio, fino ad ottenere una consistenza omogenea; aggiungetevi un po’ di latte per renderlo cremoso. Tenete da parte.

Per la sfoglia di zucca

Eliminate i semi e la buccia della zucca, quindi tagliatela trasversalmente a fettine spesse un paio di millimetri. Ponete le fette in una teglia, ungetele con un filo d’olio e conditele con sale e una macinata di pepe, quindi infornate, in forno preriscaldato a 220 gr per circa 20 minuti. Tenetele da parte.

Per il purè di ceci speziato

Lavate i ceci in acqua corrente, quindi poneteli nel mixer con il coriandolo pestato, una grattata di noce moscata, una macinata di pepe e un pizzico di sale. Azionate il mixer e aggiungete olio a filo fino a far diventare il composto omogeneo e spumoso. Tenete da parte.

Per la polvere di olive nere

Ponete le olive in una teglia da forno e ponetele in forno ad asciugare fino a completa essicazione. Ci vorrà circa 1 ora. Con l’aiuto del mixer frantumatele fino ad ottenere una polvere. Tenete da parte.

Montaggio del piatto

Ponete nel piatto una sfoglia di zucca, con l’aiuto di un sac a poche create uno strato di baccalà mantecato, quindi fate un secondo strato e chiudete il tutto con un’ultima sfoglia di zucca. A fianco, sempre con l’aiuto del sac a poche create uno spumone ci purea di ceci, quindi fate cadere la polvere di olive al di sopra del piatto. Servite tiepido.

Ovviamente vi aspetto al Taste and Match, il 10 Novembre presso il Circolo dei Lettori. Per saperne di più andate su http://www.winexplorer.it/prodotto/3045 e prenotate la vostra serata. I posti sono limitati, quindi affrettatevi!!

 

Continue Reading

Vellutata di zucca e carote con punte di asparago

Autunno, sono arrivati i primi freddi e a me viene voglia di caldi maglioni di morbida lana e di altrettanto calde zuppe; ma l’autunno è anche e  soprattutto stagione di zucca. Dopo averne trovata di meravigliosa ho deciso di realizzare una vellutata, accostando al sapore dolce e rotondo della zucca quello un po’ più fresco ma sempre dolce delle carote e personalizzando il tutto con punte di asparago.

E’ un piatto veloce e semplice che, nelle serate in cui i primi freddi si fanno sentire, scalda il corpo e l’animo, riportandoci un po’ tutti a quando eravamo bambini e, nelle cucine piene di vapore, sobbollivano pentole di fumanti zuppe e vellutate. Che meraviglia…quindi vediamo di riportare un po’ di quella magia ad oggi, nelle nostre super attrezzate cucine…

Tempo di preparazione: 10 minuti + 2 ore circa di cottura

Difficoltà: semplice

Ingredienti (x 4 persone):

600 gr di zucca gialla

100 gr di patate

2 carote

1 cipolla

10 asparagi (vanno bene anche quelli surgelati)

1 bicchiere da liquore di vino bianco

Olio di oliva q.b.

Sale q.b.

brodo vegetale q.b.

 

Procedimento:

 

 

Pulite la zucca e tagliatela a pezzi, pelate le carote e le patate e tagliatele a pezzetti, sbucciate e riducete la cipolla a pezzetti; fate soffriggere mezza cipolla in una pentola capiente e, quando si sarà imbiondita, aggiungete la carota e la patata. Successivamente aggiungete la zucca tagliata grossolanamente e fate rosolare il tutto per qualche minuto. Aggiungete a questo punto il brodo vegetale fino a coprire le verdure, tirando la cottura a fuoco basso per circa 2 ore, aggiungendo brodo a mano a mano che si consuma.

Nel frattempo preparate gli asparagi, tagliandoli a pezzetti di circa 2 cm di lunghezza e rosolandoli velocemente in una padella con poco olio; una volta rosolati, sfumateli con il vino bianco e lasciate evaporare il liquido formatosi.

Quando le verdure saranno cotte, passatele al mixer per formare una crema, versandovi a filo un pochino d’olio per renderla lucida, quindi passatela al setaccio per eliminare eventuali pazzetti e renderla perfettamente liscia e omogenea. Versatela nei piatti fondi o nelle ciotole, aggiungetevi gli asparagi, salate e pepate leggermente e conditela con un filo d’olio a crudo. Buon appetito!

Continue Reading