Bruschetta con pomodori, scampi e olive taggiasche

Eccomi di nuovo con la seconda puntata della rubrica food  & wine, in collaborazione con il sommelier Fernando di Winexplorer. Questo mese siamo passati ad un vino rosè molto particolare e per l’esattezza una Chiara Rosè Monferrato D.O.C di Vigne dei Mastri,  ottenuta da uve 100% Barbera, che mantiene il suo colore rosato visto il breve contatto con le bucce, che in 3 ore circa le donano un color rosa tenue.

E’ un vino fresco, pulito e con una discreta persistenza al palato, dal profumo di frutta ed essenze floreali bianche. Si sposa molto bene con piatti di carne bianca o con pesci di una certa importanza. Adattissimo per un primo corposo o per un secondo piatto importante, in questo caso ho deciso di osare, abbinandolo ad un antipasto di mare con sentori di terra. Un antipasto in cui l’acidità data dal pomodoro e dalle olive smorza la dolce persistenza dello scampo e in cui il bouquet di questo vino arricchisce il profumo di mare e di terra del piatto.

 

Tempo di preparazione: 10 minuti + 2 ore e 20 di cotture

Difficoltà: facile

Ingredienti (x 4 persone):

2 panini o piccole baguette da 40 gr l’uno

10 pomodori datterino

4 scampi

8 olive taggiasche

10 gr di zucchero

2 punte d’asparago cotte a vapore

Olio extravergine d’oliva q.b.

Sale grosso q.b.

Sale integrale q.b.

 

Procedimento:

 

Tagliate i panini a fette dello spessore di 1 cm con un’affettatrice. Snocciolate e tagliate le olive in maniera grossolana con un coltello.

Ungete le fette di pane con un filo d’olio extravergine d’oliva, quindi tostatele per 10 minuti in forno scaldato a 100°C.

Ponete i pomodorini in una teglia con un foglio di carta da forno leggermente unto, conditeli con un filo d’olio, un pizzioc di sale grsso e una spolverata di zucchero, quindi, quando saranno confit, disponeteli sul pane.

Sgusciate gli scampi e cuocetene le code nel cestino per la cottura a vapore per circa 4 minuti, tagliatele a medaglioni e adagiatele sul pane con il pomodoro. Condite la bruschetta con un filo d’olio extravergine d’oliva, il sale integrale macinato fresco, le olive taggiasche e le punte di asparagi. Buon appetito!

 

 

Continue Reading

Pomodori secchi guarniti sott’olio

Continua la serie di articoli che si riferiscono alle conserve. In questo caso vi propongo uno snack gourmand, perchè potrete servire questi pomodori secchi su una bruschetta di pane casereccio, tipo Altamura, strofinata con abbondante aglio, per ingolosire anche gli ospiti più esigenti.

Tempo di preparazione: 20 minuti + 20 minuti di cottura + 12 ore di riposo

Difficoltà: facile

Ingredienti (x 4 vasetti da 250 gr):

500 gr di pomodori secchi

3 dl di aceto bianco

3 dl di vino bianco secco

1 dozzina di acciughe sotto sale

1 manciata di capperi sott’aceto

2 spicchi d’aglio

1 rametto di basilico

olio extravergine d’oliva q.b.

 

Procedimento:

 

Versate l’aceto e il vino in una casseruola e portate ad ebollizione. Unite i pomodori secchi, scottateli 2-3 minuti, scolateli e stendeteli ad asciugare in un solo strato su canovacci puliti.

Dissalate le acciughe sotto l’acqua corrente, pulitele, eliminate la lisca centrale, tagliate i filetti a tocchetti e asciugateli con carta da cucina. Sciacquate i capperi sotto acqua corrente, strizzateli e asciugateli con carta da cucina.

Distribuite i pomodori a strati nei vasetti, inframmezzandoli con acciughe, capperi, aglio a lamelle e foglie di basilico. Versate l’olio fino ad arrivare ad un cm dal bordo e chiudete i vasetti ermeticamente.

Avvolgete ogni vasetto in un canovaccio, quindi metteteli in una pentola completamente coperti di acqua e fateli bollire per 20 minuti. Lasciate raffreddare nell’acqua, quindi asciugate i vasetti e poneteli al buio in un luogo fresco e asciutto, dove potrete conservarli per non più di 8-12 mesi.

Continue Reading