>A tavola nel Risorgimento

>

Eccoci di nuovo qui, con l’appuntamento delle letture in cucina…in questi due giorni mi sono assai scervellata riguardo al libro di cui parlare…ero molto indecisa e la scelta è ricaduta su un libro che racchiude tanto la cucina, le ricette e la buona tavola, quanto avvenimenti, passioni e aneddoti che hanno riunito gli italiani e reso grand ela cucina del bel paese.
Il libro di cui parlo è:
A tavola nel Risorgimento
di
Elma Schena e Adriano Ravera
Priuli & Verlucca
Ripercorrere il cammino risorgimentale in modo insolito e mai celebrativo con una chiave di lettura gastronomica. Una ricetta semplice: un pizzico di curiosità, un profumo di scoperta, nessuna enfasi patriottica. Nel cibo si può leggere un territorio, la sua economia, le mille cabale che stanno dietro l’agire dell’uomo: alleanze, convenienze sociali, amicizie, sudditanze. 
Una storia che accomuna tutti gli italiani, borghesi e operai, contadini del nord e del sud, corredata da 120 ricette da provare o anche solo da leggere, testimoni di un’epoca e di un gusto. Trascritte nel testo originale, di linguaggio immediato, ora ridondante ora incerto perchè nate come appunto per chi aveva poca dimistichezza con la penna, offrono piatti facilmente proponibili.
Gli autori sono i cuochi di corte, dai piemontesi Francesco Chapusot e Giovanni Vialardi ai celebrati monzù in servizio presso i Borboni. E’ la grande cucina dell’aristocrazia e della borghasia e cui si affiancano i piatti delle Cuciniere ottocentesche ricche di spunti quanto mai attuali.
Accompagnano le ricette le autorevoli firme di Vincenzo Corrado, Giovanni Felice Luraschi, Giuseppe Sorbiatti, Vincenzo Agnoletti; personaggi e avvenimenti che si intersecano e si completano per scoprire la nostra storia fatta di quotidianità, di costumi sedimentati nella memoria, di tradizioni. Una scena corale per riunire gli italiani alla grande tavola nazionale.

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *