>Volevo essere un grande chef

> Con un giorno di ritardo e quasi una settimana di silenzio totale, dovuta ad una mole di lavoro inattesa che mi ha tolto tempo anche per respirare (figuriamoci accendere il computer…), torno con la mia rubrica settimanale “Letture in cucina” per consigliarvi un libro, leggero, originale e gustoso…così come dovrebbe essere il menù perfetto…buona lettura!!

Ogni piatto – dall’antipasto al dolce – se potesse parlare avrebbe delle storie da raccontare. Come quelle narrate in questo libro che abbina racconti e ricette: un binomio gustosissimo. (Note di copertina)

Ci sono libri che contengono delle vere e proprie sorprese. Che magari si comprano così, in un momento di noia o di depressione, perché la copertina è colorata e accattivante o perché il titolo rispecchia un nostro desiderio inconscio… E, dopo la lettura, ci si sente riconciliati con la vita!
E’ il caso di “VOLEVO ESSERE UN GRANDE CHEF” di Loredana Limone, un libro molto originale e gustoso: un menu tutto composto di racconti, in altre parole una pietanza letteraria. La cosa che mi è piaciuta di più è che non si tratta però di ricette raccontate, ma di storie che ruotano intorno ad un piatto. Per esempio mi è piaciuto molto il racconto degli involtini (peraltro provati: buonissimi!) che rivela un inatteso fiale, quello della nonna che racconta della nipote e della pastiera e intanto amoreggia col vicino di casa, quelli dove con ironia si parla di amori finiti (ma c’è una consolazione in arrivo). E poi sono molto toccanti i due racconti sul fascismo, su Gesù, sull’omicidio di Pesaro (quest’ultimo mi sembra sia tratto da una storia vera), sul fugace incontro di due amanti lontani. E’ da morire dal ridere il racconto sulla verginità tardiva consumata con pesce spada alla griglia, cui non può far seguito che una macedonia afrodisiaca.
Un libro veramente vario e piacevole, con un menu gustoso e facile da fare (ci sono delle ricette spiegate proprio bene e alcune molto particolari, come il pane ai datteri, la zuppa di pesce francese… persino quella del Negroni Sbagliato che è un aperitivo/istituzione a Milano). Ogni racconto è diverso dall’altro, ha la sua musicalità e il suo linguaggio che aderiscono al contesto e al soggetto, ma la scrittura è appassionata e brillante in tutti e non si vede l’ora di finire un racconto per leggere il successivo. Poi, quando non ce ne sono più, si dice “peccato che sia finito!” E allora si va in cucina a preparare qualcuna delle gustose ricette per ricreare l’atmosfera delle pagine di questo insolito, gustoso menu letterario.

You may also like

2 Commenti

  1. Hello there , I do think this can be a great weblog. I stumbled on it on Yahoo , i’ll arrive again the moment once again. Cash and independence could be the greatest method to alter, might you be abundant and aid others.

  2. Hello there, just required you to know I he added your internet site to my Google bookmarks due to your layout. But seriously, I imagine your world wide web internet site has 1 in the freshest theme I??ve came across. It extremely helps make studying your web site significantly easier.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *