Ritorno bastonato e ricettina tiramisù

Ritorno bastonata, ebbene si…ero partita in quarta per la creazione del nuovo sito ma tutto il mio entusiasmo ha subito una battuta d’arresto; non è successo perché ho cambiato idea, anche se spesso mi capita, ma semplicemente perché la cosa non è semplice come credevo e temo che sia necessario un po’ più di tempo di quello che credevo, quindi nel frattempo sono corsa in cucina e ho deciso che dovevo assolutamente tirarmi su di morale…è servito? Devo dire di no ma, in compenso, ne è uscita una ricetta di tutto rispetto. Una ricetta che evoca i profumi della mia infanzia, che mi riporta mentalmente in campagna, quando sentivo i profumi nella grande cucina e, appoggiato il mento al bancone, guardavo mia mamma e mia zia intente a cucinare; un ricordo che quasi mi commuove, ma bando alle ciance, a voi queste cose non interessano e sicuramente la cosa fondamentale è la ricetta, quindi:
Linguine salsiccia, cipolle caramellate e pomodori confit

Difficoltà: Facile
Tempi di preparazione: 30 minuti circa
Ingredienti (x 4 persone):

320 gr di linguine
200 gr di salsiccia (cercatene una di buona qualità)
1 cipolla (adesso ci sono quelle nuove, dolcissime)
20 pomodorini ciliegino
1 bicchiere di moscato dolce
olio di oliva q.b.
sale q.b.
pepe q.b.

Procedimento:

Riscaldate il forno a 140°C. Lavate e asciugate i pomodorini, poneteli su una placca rivestita di carta da forno, salate, pepate e condite con un filo d’olio, quindi infornateli per circa 25 minuti (devono diventare lucidi e “appassire” leggermente).
Nel frattempo, estraete la salsiccia dal budello, spezzettatela con le mani e mettetela a rosolare in un tegame dove avrete fatto scaldare un po’ d’olio. Mentre la salsiccia rosola (ricordatevi di girarla di tanto in tanto e di continuare a sminuzzarla con l’aiuto di un cucchiaio di legno) pelate la cipolla, lavatela e affettatela sottilmente. Quando la salsiccia è rosolata, unitevi la cipolla, abbassate la fiamma al minimo e fate continuate a cuocere fino a che la cipolla si sia leggermente appassita e colorita. A questo punto sfumate con il moscato e lasciatelo evaporare.
Portate ad ebollizione abbondante acqua in una pentola capiente e buttate le linguine. Scolatele ad un paio di minuti dal tempo segnalato, unitele al sugo di salsiccia e cipolle e fate saltare il tutto. Sfornate i pomodorini;  impiattate la pasta e decoratela con qualche pomodorino, quindi servite ben caldo. Buon appetito!
Continue Reading

>Lavori in corso…

>Una comunicazione di servizio, già..purtroppo questa volta ve la devo, perchè non potrò garantire la regolare presenza e stesura dei post nei prossimi giorni. Perchè? Presto detto…sto trasferendomi! Non di casa eh…parlo del blog! Purtroppo ulitmamente ho avuto parecchi problemi su questa piattaforma e, visto che sono indipendenti da me ho preso la decisione di fare un trasloco. Tutto questo lo faccio per me stessa, per voi che mi leggete costantemente e a cui voglio dare un “servizio” in continuo miglioramento e per le aziende con cui collaboro, a cui devo rispetto e considerazione, proprio in virtù delle collaborazioni iniziate.
Credo che questa sarà un’operazione di pochi giorni e che tutto tornerà alla normalità quanto prima. Ovviamente non lascerò cadere nel vuoto questo blog, che rimarrà ancora per qualche mese, con un reindirizzamento a quello nuovo, per consentire a tutti voi di trovarmi in questo immenso oceano che è internet. Quindi, che dire…


Continue Reading

>Mica le solite uova!

>

Non ci si avvicina nemmeno un po’ alle solite uova…non sono strapazzate, non sono all’occhio, non sono fritte, non sono nemmeno pochè o sode, anche se a quelle sode ci si avvicinano abbastanza, anche perchè la base è proprio quella.
Sono nate come “pulisci-frigo” quando non avevo nessuna intenzione o voglia di accendere il gas per cucinare se non il minimo indispensabile e il risultato, anche se lì per lì non ero così convinta, è piuttosto azzeccato, i sapori si fondono bene e sono armonici; insomma, non sono niente male e soprattutto sono decisamente rapide da realizzare. Come? Vediamolo subito!
Difficoltà: Facile
Tempo di realizzazione: 20 minuti
Ingredienti (x 6 persone):
6 uova (possibilmente da galline allevate all’aperto..povere bestie, quelle in linea mi fan talmente pena..)
1/2 pomodoro ramato
10 olive verdi denocciolate
50 gr di Chaussée aux Moines (toma dolce francese)
3 filetti di acciuga sott’olio
sale q.b.
pepe q.b.
olio di oliva q.b.

Procedimento:
Parto con una premessa: le dosi possono essere variate secondo gusto, non sono assolutamente fisse ma con queste io ho trovato un equilibrio ottimale.
Ponete le uova, precedentemente lavate, in una pentola con abbondante acqua fredda e, una volta raggiunto il bollore, fatele cuocere per 6-7 minuti, quindi tuffatele nuovamente in acqua fredda per fermare la cottura.
Nel frattempo tagliate il pomodoro, eliminate i semi e fatene dei cubetti piccoli; tagliate il formaggio anch’esso a piccoli cubetti. Con il coltello sminuzzate finemente le olive e i filetti di acciuga, quindi aggiungeteli al pomodoro e al formaggio.
Pelate le uova e dividetele in due per il lungo, quindi togliete il tuorlo e tenete da parte l’albume. Con uno schiaccia-aglio sminuzzate i tuorli all’interno della ciotola contenente tutti gli altri ingredienti. Mescolate bene il tutto, amalgamando con l’aiuto di un filo d’olio e assaggiate per vedere se eventualmente aggiustare di sale e pepe (ricordate che le acciughe sono già sapide!).
Con il composto così ottenuto farcite le mezze uova, quindi disponetele su un piatto da portata, ricoperto da foglie di lattuga o fette di pomodoro. Buon appetito!
Continue Reading

>Fresco e gustoso farro…

>

Estate, sole, caldo e soprattutto voglia di cucinare ai minimi storici; come arrangiarsi per la cena? Questa la domandona che mi sono posta proprio ieri, quando l’umidità a Torino era insopportabile e la mia voglia di stare ai fornelli veramente minima. Pensa, ripensa e rimugina ho optato per una freschissima insalata di cereali che mangiata fredda è un’ottima soluzione sia a livello di gusto che di equilibri nutrizionali.
Però, ovviamente, non la solita insalata carica di sottaceti; una cosa un po’ più studiata, con una serie di accostamenti che possono sembrare banali ma che si fondono perfettamente…parola di padre buongustaio, che l’ha spazzolata tra un intercalare di “mmmm” e “che buona!”…provare per credere!
Chiaramente non esistono dosi precise; tutto va miscelato secondo gusto, quindi ecco la lista della spesa:
Difficoltà: Facile
Tempo di preparazione: 20 minuti
Ingredienti:
Pomodoro cuore di bue (o se preferite ciliegini)
Filetti di acciuga sott’olio
Olive verdi
Cipolline in agrodolce
Capperi sott’aceto
Semi di zucca decorticati biologici Melandri Gaudenzio
Sale
Pepe
Olio
Limone
Procedimento:
Fate bollire il farro perlato in abbondante acqua salata per 20 minuti. Nel frattempo, tagliate i pomodori, privateli dei semi e lasciateli sgocciolare per qualche minuti in uno scolapasta; tagliate i filetti di acciuga a pezzetti molto piccoli e miscelateli, in una ciotola capiente, con tutti gli altri ingredienti; aggiungete quindi i pomodori tagliati a pezzetti.
Passati i 20 minuti, scolate il farro e lasciatelo sotto il getto di acqua fredda per qualche minuto, mescolando, per fermare la cottura. Mescolatelo con gli altri ingredienti, dopo averlo sgocciolato bene, condite con sale, un po’ di succo di limone e olio extra vergine di oliva, quindi servite. Buon appetito!
Continue Reading

>Arancia candita al cioccolato

>

Desiderate stupire amici e parenti con dei dolcetti fatti con le vostre mani? Si, proprio di quelli che solitamente si trovano in pasticceria, in quelle vetrinette in cui un goloso si siederebbe volentieri sbocconcellando un po’ di questo e un po’ di quello. Amate la frutta candita ma soprattutto il cioccolato? Allora questa è la ricetta per voi!
Difficoltà: Media
Tempo di preparazione: 2 ore + il riposo
Ingredienti (x circa 2 kg di scorzette):
10 arance non trattate
1 kg di cioccolato fondente
1 kg di zucchero
1 stecca di vaniglia
1 pezzo di cannella
acqua 4 lt
Procedimento:
Lavate molto bene le arance, quindi tagliate la calotta superiore e inferiore e dividetele in 4 spicchi, a cui toglierete la buccia, dividendola in 6 striscioline, avendo cura di non tagliarle troppo larghe poiché il rischio che restino amare e non si candiscano sarebbe alto. Meglio una strisciolina in più, insomma, che una in meno.
In una pentola capiente mettete 2 litri d’acqua e fatele prendere il bollore; a questo punto tuffatevi le scorze di arancia e, dalla ripresa del bollore, fatele cuocere per 2 minuti, quindi scolatele. Ripetete l’operazione per altre due volte, in modo da far perdere l’amaro alle scorzette.
Preparate un’altra pentola con l’acqua restante, lo zucchero, la stecca di vaniglia e il pezzo di cannella. Portate ad ebollizione facendo attenzione che lo zucchero si sciolga senza brunire, quindi tuffatevi le scorzette d’arancia. Abbassate il fuoco e fate cuocere per 1 ora e mezza. Scolate bene e mettete ad asciugare i canditi sulla carta da forno, disponendoli ben distanziati l’uno dall’altro; dovranno riposare per almeno 12 ore.
Quando i canditi siano pronti, spezzettate il cioccolato, mettetelo in una ciotola e scioglietelo a bagnomaria; una volta che il cioccolato sia tutto sciolto (dovrà raggiungere i 45°C), rovesciatelo su un piano di marmo freddo e spatolatelo fino a farlo raffreddare, portando gradualmente la temperatura a 27°C; raccoglietelo di nuovo e scaldatelo ancora qualche minuto, fino a raggiungere la temperatura di 31°C. Ora il cioccolato è pronto per essere utilizzato e lascerà una patina liscia e lucida sui canditi.
Immergete i canditi uno alla volta nel cioccolato fuso, quindi poneteli su una griglia o su carta forno ad asciugare; ecco pronti i nostri dolcetti! Buon appetito!
Continue Reading